Storia dell’Esposizione Universale

Expo 2010 ShanghaiL’Esposizione Universale è figlia della rivoluzione industriale: nasce nel 1851 al Crystal Palace di Londra come “Grande Esposizione dei Prodotti delle Industrie delle Nazioni”, per permettere ai vari Paesi di mostrare il proprio contributo al progresso tecnologico. Fino alla seconda guerra mondiale, l’Expo è stato un simbolo dell’industrializzazione che ha trasformato Europa e Stati Uniti.

Alcune Esposizioni Universali hanno lasciato segni indelebili, come la Torre Eiffel a Parigi (1889), o attratto folle oceaniche, come i 50 milioni di visitatori di Chicago (1933). Quelle di Milano (1906) e Torino (1911) hanno sancito l´ingresso dell´Italia nel mondo industrializzato.

Dopo la seconda guerra mondiale l’Esposizione Universale diventa uno strumento per segnalare l’ingresso di un Paese nel novero delle nazioni industrializzate (Canada 1967, Giappone 1970, Australia 1988, Corea 1993, Shanghai 2010) o compiutamente democratiche (Spagna 1992, Portogallo 1998); o promuovere lo sviluppo di una regione, offrendole infrastrutture e visibilità internazionale (sedi come Tsukuba, Daejon, Brisbane, Knoxville, Aichi, Spokane, Zaragoza).

Tags:

I commenti sono chiusi.

Pubblicità

Spacer